Perdere qualcosa o qualcuno che ami o a cui tieni profondamente è molto doloroso. Potresti sperimentare diversi tipi di emozioni e potresti pensare che il dolore e la tristezza che stai provando non finiranno mai.

Queste sono normali reazioni per una perdita importante.

Mentre non ci sono modi giusti o sbagliati di essere in lutto, ci sono modalità sane di affrontare il dolore che nel tempo possono rigenerarti e permetterti di andare avanti.

 

Cos’è il lutto?

Il lutto è una risposta naturale alla perdita, è una sofferenza emozionale che senti quando qualcosa o qualcuno che ami se ne va. Più importante è la perdita, più intenso sarà il lutto. Potresti associare il lutto con la morte di una persona amata -che spesso è la causa del lutto più intenso- ma qualsiasi perdita può causare il lutto.

Come nei seguenti casi:

  • divorzio o rottura di una relazione
  • perdita della salute
  • perdita del lavoro
  • perdita della stabilità finanziaria
  • aborto
  • pensionamento
  • perdita di un animale
  • perdita di un sogno
  • malattia di una persona amata
  • perdita di un’ amicizia
  • perdita della sicurezza dopo un trauma
  • vendita della casa di famiglia

 

Più è importante la perdita più intenso sarà il dolore. In ogni caso, anche sottili perdite possono portare al lutto. Per esempio, potresti provare lutto dopo aver traslocato, dopo esserti laureato, cambiando lavoro, vendendo la casa di famiglia o andando in pensione dopo una carriera che hai amato.

Come superare il lutto? Laura Toscano Psicologa

 

Ognuno sperimenta il lutto in maniera diversa

L’esperienza del lutto è  strettamente personale. Il modo in cui il lutto si manifesta dipende da diversi fattori, inclusa la tua personalità e la tua capacità di fronteggiare l’evento, le tue esperienze di vita, la tua fede e la natura della perdita.

Il processo di rielaborazione del lutto richiede tempo. La guarigione avviene lentamente, non può essere forzata e non c’è una tempistica “normale” per il lutto.

Alcune persone iniziano a sentirsi meglio in settimane o mesi, per altri ci vogliono anni. Qualsiasi sia la tua esperienza di lutto è importante essere pazienti e permettere al processo di svolgersi naturalmente.

 

Miti e realtà sul lutto

mito: il dolore andrà più veloce se lo ignori

realtà: cercare di ignorare il dolore o trattenerlo lo farà peggiorare nel lungo periodo. Per una reale guarigione è necessario affrontare il lutto e averci a che fare attivamente.

mito: è importante essere forti nell’affrontare il dolore

realtà: sentirsi tristi, spaventati o soli è una normale reazione alla perdita. Piangere non significa essere deboli. Non hai bisogno di proteggere la tua famiglia o gli amici mostrandoti coraggioso. Rivelare i tuoi veri sentimenti può aiutare te stesso e loro.

mito: se non piangi significa che non sei dispiaciuto per la perdita

realtà: piangere è una normale risposta alla tristezza, ma non è l’unica.  Coloro che non piangono possono sentire un dolore profondo come gli altri, ma avere altri modi di mostrarlo.

mito: il lutto dovrebbe durare circa un anno

realtà: non c’è un tempo giusto o sbagliato per sperimentare il lutto. La durata può variare da persona a persona.

Hai trovato interessante questo articolo? Sempre su questo tema, qui trovi un altro articolo sul lutto